La nostra storia

Terre di Gnirega è una piccola azienda a conduzione famigliare da 4 generazioni, dal bisnonno Cristoforo, classe 1874, passando per Sante ed arrivando a Luigi (Gigi) ed ai figli.

Con tre ettari e mezzo a vigneto ed un altro ettaro tra ciliegi, prugni ed olivi, l’azienda è situata sulla collina di Valgatara, nella valle di Marano di Valpolicella a 300 m s.l.m.; l’esposizione degli appezzamenti è prevalentemente sud-ovest ed il terreno è tipicamente argilloso-calcareo con abbondante presenza di scheletro.

img_0943

Dagli anni ’70-’80 Gigi, appena subentrato a Sante, partecipa a quel movimento di pensiero e di ricerca di buone pratiche agronomiche, volte ad escludere i prodotti di sintesi chimica per la difesa delle produzioni e per il nutrimento del terreno, movimento che poi verrà chiamato agricoltura biologica.

Negli anni successivi comincia a fare numerose risistemazioni ai terreni cercando di rispettare il paesaggio agricolo tradizionale, caratterizzato da “marogne” (muretti a secco) che sostengono tanti piccoli appezzamenti coltivati. Negli appezzamenti pianta viti, ciliegi e olivi mantenendo nelle zone più ripide le siepi e il bosco.

Dal 1989 l’azienda è certificata biologica con regolamento AIAB (Associazione Italiana Agricoltura Biologica), poi recepito in regolamento europeo nel 1991.

Dal 2010 Gigi e il figlio Francesco, dopo aver ristrutturato delle vecchie cantine attorno ad una corte, hanno cominciato a vinificare le loro uve seguendo sempre il metodo biologico ed iniziando a produrre i vini classici della Valpolicella: Valpolicella Classico DOC, Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC, Amarone della Valpolicella DOCG e Recioto della Valpolicella DOCG e un IGT (Indicazione Geografica Tipica) Passito Bianco del Veneto.

Le vinificazioni vengono condotte lasciando i lieviti indigeni naturalmente presenti sull’uva, con interventi minimi ed assecondando il carattere annuale del vino. Quello che ne risulta sono dei vini non pesanti e dal gusto ricco e caratteristico.